Seminario di Moxibustione

La Moxibustione è uno degli strumenti della Medicina Tradizionale Cinese, insieme allo Shiatsu e l’Agopuntura. La pratica della moxibustione consiste nel bruciare sigari o coni di artemisia in prossimità di punti specifici localizzati lungo il percorso dei meridiani energetici.

Gli scritti più antichi che si riferiscono alla moxibustione come pratica per risolvere patologie, risalgono all’incirca al 2º secolo a.C. e prescrivono questa tecnica per affrontare soprattutto le malattie croniche.

Ad oggi la moxibustione è praticata anche negli ospedali occidentali, sebbene limitatamente. Uno dei suoi usi più eclatanti, è quello che se ne fa in ostetricia, per esempio a Torino, dove i parti cesarei dovuti al rischio di parto podalico sono drasticamente diminuiti, da quando viene adoperata la moxibustione per fare girare il feto nella direzione giusta. In questi casi questa tecnica assolutamente non-invasiva riscontra un successo immediato e quasi garantito.

La medicina cinese prescrive l’uso di questa tecnica per

  • velocizzare il flusso di Qi nei meridiani
  • disperdere il Freddo e l’Umidità
  • armonizzare il rapporto tra QI e Sangue
  • tonificare lo YANG
  • espellere le energie patogene

Il seminario proposto affronta l’utilizzo della moxa sia sui punti e sui canali energetici principali, che dei canali tendino muscolari.

Insegnante: Antonio Palumbo, operatore shiatsu professionista attestato dalla FISieo (Federazione Italiana Shiatsu insegnanti e operatori), sia come operatore professionista che come insegnante. Esperto di Medicina Tradizionale Cinese e di tecniche di rilassamento, concentrazione, meditazione sia delle tradizioni occidentali (psicodinamica) sia di quelle della tradizione Taoista.

Le lezioni si svolgono in un weekend intensivo e sono rivolte a professionisti del settore olistico, operatori shiatsu e agopuntori.

La partecipazione al seminario accredita 20 punti ECOS ai professionisti FISieo.